BONSAI D’AVANGUARDIA, PINO MUGO MODELLATO NELLO STILE FUKINAGASHI-BUNJIN

BONSAI D’AVANGUARDIA, PINO MUGO MODELLATO NELLO STILE FUKINAGASHI-BUNJIN
A cura di Armando e Haina Dal Col

id=”attachment_4561″ align=”aligncenter” width=”900″] SONY DSC[/caption]

Quando vidi questo vecchio pino mugo “adagiato” sulla nuda roccia pensai subito che sarebbe stato bello vederlo in un vaso bonsai. Il tronco sembrava essersi suddiviso in più tronchi esili e sinuosi, ed è per questo che lo immaginai subito proiettato verso lo stile ventoso.La raccolta avvenne con non poche difficoltà e le poche radici salvate avrebbero dovuto alimentare tutti i tronchi ramificati. Infatti, a distanza di tre anni purtroppo alcune radici primarie perirono, e fu grazie a degli ormoni iniettati alla base del tronco che se ne formavano delle nuove simili a dei grossi spaghetti.
Ed ora una breve descrizione di come dovrebbe essere questo stile: il Bonsai nello stile ventoso o “Fukinagashi” è senza dubbio una delle più drammatiche rappresentazioni della natura, è l’evocazione d’ambienti difficili dove regnano costanti i forti venti tipici delle coste scoscese e in alta quota, dove i tronchi degli alberi assumono forme arcuate, e così sono evidenti dei rami spezzati e parti denudate del tronco.
Ciò che caratterizza questo pino mugo è la sua leggerezza in cui si muove sinuoso come sulle ali di una farfalla. Da qui anche un riferimento allo stile Bunjin. Infatti ciò che lo caratterizza, è l’estrema essenzialità delle branche con il suo tronco multiplo, lungo e sottile che si muove sinuoso e con l’aspetto di un albero vissuto dov’è ben visibile l’annosità della corteccia dei rami in tutta la sua estensione. Le conifere sono sicuramente le più adatte per lo stile Bunjin (Literati), ma ciò non toglie che si possa rappresentarlo anche con altre specie.
Il Literati è uno stile molto raffinato in cui si può “captare” la tecnica, ma non la sua totale padronanza come potrebbe avvenire per gli altri stili, poiché non esistono regole ben precise. Il Bunjin esprime la sensibilità del suo creatore, ci si può appropriare della tecnica, un po’ meno dell’arte…
Ma questo pino mugo per essere valorizzato in tutta la sua bellezza grazie all’abile interpretazione da me eseguita, avrà la necessità di essere rinvasato in un contenitore adatto. Malgrado i diversi vasi che ho a disposizione al momento non ne ho uno adatto, ed è per questo che mi misi all’opera per costruirne uno. Inizialmente, pensai di utilizzare dei rami tortuosi trascinati dalle acque dei torrenti di montagna che avevo raccolto, e questa idea mi piacque.
La primavera avanzata è un bel periodo per cercare dei rami contorti privati dalla corteccia lungo i margini dei torrenti di montagna. Le acque impetuose trascinano a valle piante e rami sradicati e, trovandosi per lunghi periodi nelle gelide acque assumono una consistenza molto dura dall’aspetto osseo. Ed è così che alcuni di questi rami li ho utilizzati per creare un contenitore ramificato fuori dal comune. Desideroso di realizzarlo mi misi al lavoro, ma a mano a mano che l’opera si realizzava, ben presto mi resi conto che il contenitore sarebbe stato troppo grande e pesante, quindi inadatto ad ospitare questa pianta. Merita comunque vederlo realizzato, in quanto lo utilizzerò per un’altra pianta adatta. Ma ora passiamo alle immagini della lavorazione del pino mugo. Buona visione!

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

[caption

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.