Dove si trova il giardino

Attraverso questa mappa, puoi vedere dove si trova il Giardino Museo Bonsai della Serenita’.

LA CASA MUSEO SU GOOGLE MAPS.

Indirizzo della casa museo Bonsai

Google maps ha completato le mappe delle vie principali anche nel mio paese di Tarzo nella provincia di Treviso dove si trova il
Mio Giardino Museo Bonsai della Serenità.
Ecco il link per vedere la mia casa con la tabella del museo Bonsai, questo per facilitare l’immediata ubicazione per accedere al museo.

http://g.co/maps/92ss2

Cellulare +39 349 370 8802
Home phone +39 0438 587265

Sostenete il Giardino Museo Bonsai della Serenità; Please!

Clicca qui invece per la mappa!

Il visitatore che si reca a visitare il Giardino Museo Bonsai della Serenità sito nel centro storico del comune di Tarzo,  nella Marca Trevigiana a Ovest fra Vittorio Veneto e Conegliano, rimane “catturato”  dalle bellezze dei vigneti lungo la “Strada del vino bianco del famoso Prosecco” e,  dell’incantevole valle con i laghi e le colline che circondano Tarzo.  il museo Bonsai si trova di fronte alla farmacia. Home phone: 0438 587265.

L'entrata del Giardino Museo Bonsai della Serenità.

 

Salve, ecco in dettaglio gli orari per le visite, naturalmente quando siamo a casa!  orientativamente il giardino bonsai è visitabile tutti i giorni  dalle 10 alle 12 e dalle 14,30  alle 19. Per vedere l’immensa collezione di Bonsai ci vuole almeno un’ora, ma se ci si sofferma su dei particolari delle piante ci vorrebbe molto più tempo. Per non fare il viaggio a vuoto è preferibile telefonare allo 0438 587265.  Per le visite è richiesto un modesto contributo libero a sostegno del museo Bonsai. Se si  viene dall’autostrada Venezia Belluno, uscire a Vittorio Veneto Sud girando subito a sinistra seguendo le indicazioni di Tarzo che si raggiungerà dopo 12 km; il museo Bonsai si trova vicino alla chiesa di fronte alla farmacia dove c’è la tabella del museo Bonsai. Salita la gradinata esterna di fianco alla mia casa, ci si immergerà in una magica atmosfera di altri tempi che è agli antipodi della cultura occidentale.

 

Armando e Haina Dal Col