Faggio rosso con un figlio adottivo.

Storia di un faggio rosso con un carpino nato alla base.
Questo faggio rosso lo feci da seme e nacque nel 1986. Cresciuto abbastanza
decisi di trasferirlo in un vaso Bonsai molto basso. Negli anni successivi alla base della pianta nacque un carpino bianco, e così lo lasciai crescere in compagnia tenendolo però molto basso. Nel 2010 il faggio fu attaccato nella parte alta del tronco da chiazze ovali longitudinali di colore grigiastro, una crittogame patogena che progredendo crea delle fessurazioni sulla corteccia portando alla morte la zona colpita. Malgrado interventi massicci con fitofarmaci a largo spettro d’azione dovetti tagliare la parte del tronco colpita, trasferendo nel contempo la pianta in un “contenitore” con maggiore quantitativo di terriccio. La pianta negli anni successivi si mantenne sana generando nuova vegetazione che lasciai crescere indisturbata. Agli inizi del mese di giugno di quest’anno (2016) decisi di rimodellare il faggio e di contenere le dimensioni del carpino cresciuto eccessivamente. Naturalmente dovevo abbandonare l’idea di “Albericità” che aveva in precedenza, impostandolo in una forma ombrelliforme. Prima della modellatura praticai la defogliazione totale del faggio e quella parziale del carpino, il quale doveva apparire anche lui in una forma molto compatta. Dopo una ventina di giorni il faggio rosso si è coperto di nuova vegetazione dal colore tenue rosato. Ed ora vediamo alcune immagini di questa coppia di piante che convive insieme tranquillamente.

Foto 1, il faggio visto nel 2007 ripreso in una mia personale in piazza a Tarzo.

Faggio rosso con il carpino bianco alla base.

Faggio rosso con il carpino bianco alla base.

Foto 1

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

Foto 12 Firma e Logo di Armando Dal Col

Foto 2, il faggio visto l’8 giugno 2016.
Foto 3, il faggio visto dal lato opposto.
Foto 4, potatura e defogliazione.
Foto 5, la zona apicale del faggio priva di interesse bonsai stico.
Foto 6, viene tolta una porzione di legno per creare conicità.
Foto 7, carpino e faggio modellati.
Foto 8, la pianta vista dal lato opposto.
Foto 9, due luglio 2016, il faggio si è vestito di un tenue colore rosa.
Foto 10, Il faggio visto da un’altra angolazione.
Foto 11, Haina fra i Bonsai ammira compiaciuta una ortensia amorevolmente curata dai tenui colori rosa lillacino.
Foto 12, il logo dei maestri Armando e Haina Dal Col.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.