I BONSAI NELLE FILIPPINE,REPORTAGE.

I BONSAI  NELLE FILIPPINE: REPORTAGE.

 

L’arcipelago delle Filippine è costituito da oltre 7300 isole di varia grandezza. Il clima è tropicale, molto umido, per cui la superficie forestale è particolarmente abbondante con oltre il 50% del territorio. La flora, ricca e generosa, è quella tipica di tutto il Sud-Est Asiatico, ma non mancano delle specie endemiche che esistono solo qui.

Le Filippine si trovano nella cosiddetta “linea dei tifoni”: durante la stagione delle piogge, che va da giugno a ottobre, l’arcipelago è sconvolto dai cicloni e dal monsone di Sud-Est, famoso  -e famigerato-  per la sua furia devastatrice.

In occasione del mio primo viaggio nelle Filippine –era il mese di dicembre del 1986-, fui ospite del maestro Bonsai Serapion  Metilla.   Grazie a questo personaggio, approfondii le mie cognizioni visitando mostre, meeting  e collezioni dei più importanti amatori di Bonsai dell’area di Metro-Manila.

La storia del Bonsai nelle Filippine è piuttosto antica dalle notizie avute, poiché quest’arte fu introdotta dai Cinesi già nel sedicesimo secolo. Tuttavia il Bonsai divenne popolare solo dopo il 1950, con la nascita dei Garden Clubs e con le prime timide esposizioni sul territorio.  I Bonsai che predominano, per imponenza e bellezza sono i Ficus nelle varie specie, e soprattutto le Buganvillee con la loro vasta gamma di colori.

 

 

 

Foto 1.   Il vulcano Mayon a Legaspy.

 

Il vulcano Mayon è probabilmente il più perfetto esempio, in natura, di conicità.

Il vulcano Mayon si trova a Legaspy nella regione di Bicol a sud di Manila, capitale delle Filippine.  Il simbolo della penisola di Bicol è il suo vulcano, minaccioso perché in continua attività, eppure difensore di vita perché rende fertile il suolo.

La forma del vulcano è perfettamente conica, da qualsiasi lato lo si guardi. Ciò è dovuto alla sua pur minima attività, e la  regolarità della sua forma lo rende unico in tutto il Sud Est Asiatico.

 

2 pensieri su “I BONSAI NELLE FILIPPINE,REPORTAGE.

  1. Antonio Ricchiari

    Carissimo Armando, il bonsaismo italiano deve tanto a maestri come te che ne hanno fatto la storia. Sai come la penso! Mi piace l’articolo perchè porti, di prima mano, un pezzo di bonsaismo internazionale a noi tutti.

    Rispondi
    1. armandodalcol Autore articolo

      Caro Antonio ti ringrazio per il tuo commento. Che dire: “Noi” siamo la storia del Bonsai in Italia.
      Armando

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *