Creazione di un Tokonoma, o meglio di una “Alcova” per fotografare i Bonsai.

    Creazione di un Tokonoma, o meglio di una “Alcova” per fotografare i Bonsai.

 

 

 

Il  Tokonoma è un universo immaginario posto all’interno di una casa tradizionale giapponese situato nella stanza degli ospiti o,  comunque,  in un luogo riparato per godere della grandezza della Natura in forma di microcosmo.  Ma può anche essere considerato  un luogo di meditazione consacrato alla “spiritualità”.

Realizzare  un Tokonoma classico che possa “avvicinarsi” a quelli giapponesi non è così semplice in quanto le nostre abitazioni  non sono adatte, ed inoltre non si trovano facilmente tutti gli oggetti originali che lo compongono. Ho quindi cercato di “arrangiarmi” con materiali nostrani per realizzare una nicchia o meglio un’alcova che rispecchiasse almeno in parte le “sembianze” di un Tokonoma giapponese, prestando soprattutto l’attenzione sul colore dello sfondo che deve essere di una tonalità tenue, uniforme, e dal colore caldo. Quando si prepara un Bonsai per una mostra importante è bene verificarne l’effetto curando con attenzione gli elementi di accompagnamento. Ecco quindi che lo spazio espositivo nel tokonoma si rivela molto utile, in quanto si ha l’esatta prospettiva di come verrà esposto.

Nelle mostre tradizionali i tavoli o piani d’appoggio per i Bonsai hanno un’altezza media di 80 cm, in questo modo i visitatori possono ammirarli più facilmente. Infatti, nel tokonoma tradizionale giapponese il piano d’appoggio è appena rialzato dal pavimento, non superando l’altezza di 10/20 cm poiché gli ospiti sono seduti o inginocchiati per terra sopra un cuscino e così,  il Bonsai si trova ad altezza degli occhi.  Noi occidentali siamo abituati a rimanere seduti su una sedia attorno al tavolo del soggiorno, così possiamo ammirare le opere d’arte appese alle pareti, e se lo spazio ce lo consente sarà possibile realizzare una parete per costruirci un Tokonoma. Naturalmente per poter ammirare un Bonsai che occasionalmente lo potremo esporre all’interno, il piano d’appoggio potrà essere ad un’altezza utile per poterlo ammirare standosene tranquillamente seduti sul divano o in una poltrona.  Ed è per questo che il mio tokonoma ha il piano d’appoggio di 70 cm di altezza, così è possibile osservare il Bonsai nel punto focale più idoneo, e cioè il terzo inferiore dell’albero.

 

Ed ora qualche immagine sulla costruzione del tokonoma con l’aspetto finale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *