Ginepro cinese nello stile Literati

Ginepro cinese da reinterpretare.
A cura di Armando e Haina Dal Col.

SONY DSC

SONY DSC

Sabato dieci giugno l’amico Siro è venuto a trovarmi nella tarda mattinata con un suo amico, proponendomi uno scambio del suo ginepro cinese con un mio pino.
Viste le condizioni della pianta ho acconsentito lo scambio, poiché c’era ancora un buon margine per reinterpretare il ginepro, poiché le lavorazioni fatte dal precedente proprietario lasciavano abbastanza desiderare, in particolar modo sulla lavorazione delle parti morte che ritenevo di doverle modificare.
Così nel primo pomeriggio iniziai a modellare le parti morte della pianta e a studiarne la forma per realizzare un piacevole Bunjin.
Fortunatamente il ramo basso che avrebbe voluto eliminare, era stato lasciato libero di vegetare per aiutare a cicatrizzare le vene. Ed è proprio quel ramo che mi aveva convinto di accettare lo scambio.
L’applicazione del filo ai rametti esili lasciai il compito a mia moglie Haina, che terminò il giorno successivo.
La pianta dovrà sicuramente migliorare, ma intanto godiamoci alcune immagini del risultato del nostro lavoro. Enjoy!

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

ginepro-cinese-da-reinterpretare

img_20160910_120143

img_20160910_153955

img_20160910_181129

img_20160911_112616

img_20160911_153744

img_20160912_092408

Chinese juniper to be reinterpreted.
Edited by Armando and Haina Dal Col.

Saturday, June 10 the Siro friend came to visit me in the late morning with his friend, he proposed an exchange of his Chinese juniper with my pine.
Given the conditions of the plant I agreed the exchange, since there was still a good margin to reinterpret the juniper, because the processing done by the previous owner left enough desire, particularly on the processing of dead parts that I thought of having to modify.
So in the afternoon I started to model the dead parts of the plant and to study its shape to create a pleasant Bunjin.
Fortunately, the low branch that wanted to eliminate, had been left free to grow to help heal the veins. And it is that branch who had convinced me to accept the exchange.
The application of the wire to the slender twigs left the task to my wife Haina, which ended the following day.
The plant will surely improve, but in the meantime let’s enjoy some of the images result of our work. Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.